fbpx

Coronavirus: come utilizzare i social. Idee e consigli

Coronavirus: come utilizzare i social. Idee e consigli

Condividi su:

Nelle ultime settimane, l’emergenza coronavirus ha modificato il modo di lavorare degli addetti al digital marketing. Il mese di Marzo infatti si è aperto con il decreto del Presidente del Consiglio che obbliga la chiusura di molte attività commerciali.

Tutto ciò ha portato a stravolgere gran parte della comunicazione social delle aziende. Marzo infatti è il mese della primavera, delle belle giornate, dei week-end fuori porta e dunque gran parte di una strategia sui social è indirizzata alla promozione di tutto ciò. Stesso discorso vale anche per le festività pasquali, offerte, last minute, prenotazioni, viaggi, ma, tutto è stato bloccato.

In questi giorni dunque ho dovuto stravolgere tutti i vari post social e i vari articoli dei blog in cui si parlava di primavera, benessere e divertimento.

Mi sono dunque chiesto cosa possono fare le aziende già adesso per ripartire con il piede giusto appena potranno alzare le saracinesche delle loro attività?

Ecco alcune idee per 5 diversi settori di aziende.

1 – Food (ristorante, pizzeria)

Per il settore della ristorazione, questo è il periodo meno adatto per spegnere i fornelli. Festa delle donne, arrivo della primavera, Pasqua, banchetti, sono tutte giornate in cui i locali si riempiono di gente e invece adesso sono costretti ad avere zero coperti.

Se hai una pagina social potresti creare dei video su ricette fatte in casa, potresti spiegare come fare la pizza, cucinare il pesce o la carne, potresti spiegare gli abbinamenti dei vini e tanto altro. I clienti che ti seguono saranno curiosi e felici di vederti in una veste più comoda, ti vedranno come un familiare che prepara un ottimo pranzo. Un’altra idea per interagire con i tuoi clienti è quella di creare delle challenge (sfide) in cui inviti i tuoi fans a condividere il piatto del giorno, lo stesso farai tu condividendo sia nella tua pagina che nelle storie le foto e i video degli utenti. Per invogliare a fare ciò potrai offrire loro uno sconto o magari un menù particolare.

Hai pensato di incentivare il servizio a domicilio? I tuoi clienti continueranno a gustare i tuoi buonissimi piatti e tu continuerai ad incassare e a lavorare.

Una volta riaperti i locali, la prima idea che mi è venuta in mente è quello di creare “il pranzo della comitiva” ogni 10 coperti 1 gratis! Alla riapertura io per primo chiamerei i miei amici per andare a cena fuori tutti insieme e sicuramente se vedessi una sponsorizzata del genere su facebook aderirei subito prenotando.

2 – Cura della persona (Centro estetico, parruccheria, barbiere)

Queste attività una volta riaperte avranno il problema di gestire l’agenda, tutti vorranno avere la priorità. Le donne avranno l’esigenza di depilare parti del corpo, gli uomini di sistemare barba e capelli. Una buona strategia è quella di dare la possibilità già da adesso di prenotarsi in agenda, acquistando un coupon. L’azienda avrà lo stesso un incasso (acquisto coupon) e il cliente avrà una “corsia di preferenza” quando il centro sarà aperto. Crea dei video di pochi minuti in cui dai alcuni consigli su come tenere la pelle idratata o come truccarsi oppure come modellare una barba o magari sistemare i capelli. Chi ti segue sui social ascolterà i tuoi consigli e si ricorderà di te come un amico che nel momento di difficoltà ha fornito consigli utili.

3 – Arredamento

Per chi vende mobili, il rapporto con il cliente, è fondamentale. Le persone infatti tendono a visitare lo showroom, vogliono sedersi su un divano, provare un materasso, vogliono vedere con i propri occhi cucine, camere da letto e soggiorno. Una volta che il cliente non può recarsi in negozio, dovrai essere tu ad entrare nella casa dei tuoi clienti. Come?

Crea dei video o pubblica delle foto in cui gli utenti possono vedere le ultime novità in tema di arredamento. Fai delle dirette su Facebook o Instagram in cui dai consigli su come arredare ogni singolo spazio dell’appartamento. In questo periodo essendo in casa molti si dilettano a sistemare la propria camera. Io per esempio ho cambiato disposizione della camera da letto e anche del mio studio e ricevere un consiglio da un esperto è sempre piacevole.

4 – Agenzie viaggi ed escursioni

In questo periodo moltissime persone hanno disdetto i loro viaggi, chi aveva deciso per un week-end fuori porta nella settimana di Pasqua ha dovuto disdire. Inoltre una volta tornati alla “normalità” la gente avrà paura a viaggiare e prendere un aereo. Cosa si potrebbe fare? Chi si occupa di viaggi e turismo potrebbe pubblicare sul suo blog articoli in cui si danno informazioni su mete turistiche, creare dei video, organizzare delle dirette da pubblicare nei profili social in cui far scoprire agli utenti le caratteristiche di un luogo. Potrebbe invitare gli utenti a condividere una foto dei loro viaggi con un hashtag dell’agenzia (per esempio ioviaggeròcon…). Una volta terminata l’emergenza, la mia idea è quella di proporre dei week-end ed escursioni in città per scoprire il fascino e la storia italiana. La gente sarà stanca di rimanere in casa e aspetterà il week-end per poter visitare nuovi posti.

5 – Abbigliamento

Confesso che questo è il periodo in cui io iniziavo a fare shopping primaverile e invece ancora mi ritrovo nell’armadio felpe e maglioni invernali. Chi ha un negozio di abbigliamento dunque dovrà subito adattarsi alla nuova stagione con le ultime novità. Ricordo infatti che questi negozi hanno dovuto chiudere  i primi di marzo (inverno) e riapriranno molto probabilmente dopo la seconda metà di aprile, quindi in primavera inoltrata. Cosa possono fare adesso? Video o dirette in cui far conoscere le novità, consigli sugli abbinamenti dei colori, approfondimenti sui vari tessuti. Si potrebbe creare una challenge in cui condividere il “look da casa” per creare un pò di vivacità in questi giorni sempre uguali. Hai un negozio online? E’ il momento di aumentare la visibilità. Pubblica i nuovi arrivi, invia una newsletter, offri dei coupon, insomma con l’e-commerce puoi continuare a lavorare anche da casa.

Conclusioni: i social non vanno in quarantena.

I social network in questo momento possono essere lo strumento adatto per mantenere il rapporto con i tuoi clienti e trovarne di altri. Servono però pianificazione, strategia e competenze.

Nell’ambito del Social Media Marketing, (leggi qui l’articolo in cui spiego cosa è) è bene conoscere le regole e le best practice per evitare di commettere errori.

Questo argomento è particolarmente vasto e qualora volessi approfondire ci sono scuole specializzate come Digital Coach che offrono corsi e master di digital marketing.

Hai un’azienda e vuoi farti una chiaccherata con me? Chiama il 3385605487 o compila il seguente modulo.







 

 

 

Roberto Taormina

Dal 2005 lavoro come freelance nel settore del web. Mi occupo di creazione siti internet, ma negli ultimi anni ho approfondito le mie conoscenze sul web marketing e sul posizionamento. Oltre al lavoro ho varie passioni tra cui la musica (suono basso), pratico sport (corsa) e faccio parte di un associazione podistica.

Comments are closed.

WhatsApp Scrivimi suWhatsApp